THE BODY EXHIBITION

THE BODY EXHIBITION

Avete mai sentito parlare di questa singolare esposizione? Sapete già di cosa si tratta? E’ una mostra di corpi umani plastinati e dissezionati, seguendo una tecnica inventata nel 1977 dall’anatomopatologo tedesco Gunther von Hagens e inizialmente usata per conservare solo piccoli campioni.

LA PLASTINAZIONE

In cosa consiste la Plastinazione? E’ un processo conservativo che preserva un corpo dalla decomposizione e si basa sulla sostituzione di tutti i liquidi corporei con polimeri di silicone, rendendolo rigido, inodore e intatto nei colori. Tale processo richiede un anno di tempo (circa 1500 h) per un solo corpo e si divide in cinque fasi:

  1. imbalsamazione e dissezione anatomica (iniettando formalina si blocca il processo degenerativo)
  2. rimozione di grasso e acqua (vengono sciolti immergendo il corpo nell’acetone)
  3. impregnazione forzata (il silicone iniettato a pressione prende il posto dell’acetone)
  4. posizionamento (il corpo viene posizionato e sorretto con aghi, mollette e spaghi)
  5. solidificazione (passaggio finale che dipende dal tipo di polimero utilizzato)

L’ESPOSIZIONE

The Body Exhibition è una mostra itinerante inaugurata nel 2005 a Tampa (in Florida), è organizzata dalla Premiere Exhibition ed è simile alla “Body Worlds” del 1995. I corpi esposti sono circa 20, sono tutti originari della Cina e al momento della morte, non avendo alcun parente stretto o un successore, sono stati donati dal governo per scopi di ricerca. L’esposizione è suddivisa in più settori, partendo dal sistema scheletrico e proseguendo tramite il sistema muscolare, il sistema nervoso, il sistema circolatorio, l’apparato respiratorio, l’apparato digerente e l’apparato urinario e riproduttivo. Un livello successivo presenta l’evoluzione fetale e questa, a mio parere, è quella che forse potrebbe disturbare/impressionare maggiormente un visitatore.

Nell’area dedicata all’apparato respiratorio ho trovato molto utile e interessante il confronto tra due polmoni, “fumatore” vs “non fumatore”. La dimostrazione consisteva nel pompare aria al loro interno e nell’osservare il loro comportamento: notevole la differenza non solo del colorito, ma soprattutto del volume raggiunto inspirando aria.

e tu che polmoni vuoi?

I pareri letti su questa mostra sono parecchio discordanti e le polemiche a livello mondiale non sono state poche, soprattutto dal punto di vista etico. Personalmente ero molto curiosa e mi immaginavo qualcosa di forte e impressionante, in realtà è un’esposizione parecchio fattibile e alla portata di tutti. Mi è dispiaciuto solo che per la ridotta quantità di corpi esposti e il conseguente poco spazio dedicato, il risultato è stato un pò deludente, soprattutto se rapportato al costo del biglietto (20euro/pers).

Ammetto che, visto il tipo di esposizione che saremmo andati a vedere, da mamma avevo mille dubbi sul rendere partecipe mio figlio di appena due anni. Soprattutto mi preoccupava come avrebbe potuto reagire e come avrei potuto rispondere alle sue eventuali domande. Alla fine sono state solo preoccupazioni inutili, dato che non ha degnato di uno sguardo nessun elemento della mostra, dimostrando solo un totale disinteresse! La visita è durata poco, quindi è stato anche semplice gestirlo, nonostante le sue continue richieste di attenzione.

Anche voi siete stati incuriositi da questa mostra itinerante? Avete gradito o come me siete rimasti delusi da qualcosa? Avete portato i vostri bimbi? E come hanno reagito? Fatemi sapere la vostra opinione nei commenti!!

Questo articolo ha 10 commenti.

  1. Ho visto una mostra come questa ad Amsterdam e sinceramente ne sono rimasta impressionata. Il mio stomaco è rimasto accartocciato dall’inizio alla fine. Invece mio figlio era felice come una Pasqua e ne ha parlato per settimane. Diverse sensibilità. 😉

    1. Ahahahaha, ma davvero?? E quanti anni aveva il tuo bimbo? Il mio forse era troppo piccino per entusiasmarsi, preferiva uscire per correre sotto la pioggia!! 😀

  2. Credo che mostre del genere, se studiate e organizzate bene, non fanno altro che far conoscere meglio il corpo umano e come funziona! Personalmente io mi ci divertirei un mondo perché sono molto curiosa di vedere com’è fatto il corpo umano.

    1. Esattamente questo dovrebbe essere lo spirito di chi va a visitare una mostra simile, ma ovviamente c’è chi è più sensibile e impressionabile…

  3. Anche io avevo visitato questa mostra anni fa! Mi aveva lasciato piacevolmente sorpresa, pensavo fosse di gran lunga più impressionante! Anche se leggo dai commenti sopra che non tutti sono proprio d’accordo con me..

    1. Lo pensavo anch’io e per fortuna mi sono trovata a mio agio, nonostante stessi osservando dei corpi umani sezionati!! Ma comprendo che qualcuno possa esser più sensibile di me e non abbia gradito….peccato!!

  4. Io non so se riuscirei ad andare alla exibition, ho paura di stare male. Però sembra molto interessante, soprattutto capire queste differenze tra fumatori e non fumatori o le malattie genetiche.

    1. Dipende dalla tua sensibilità, personalmente l’ho trovata molto fattibile, ma l’unico modo per te per scoprirlo è tentare, male che vada esci! 😉

  5. Ho scoperto di questa mostra qualche anno fa a Roma, ma non sono riuscita ad andarci alla fine. Personalmente sono favorevole perché credo sia molto istruttiva, in particolar modo la parte dei polmoni dei fumatori. Anche io però trovo il prezzo del biglietto un po’ troppo caro😅

    1. Si…troppo per una mostra così piccola e oltretutto essendo itinerante anche l’allestimento lasciava desiderare!!

Lascia un commento

Chiudi il menu