I COLORI DELL’ARCHITETTURA: LE CITTÀ DAI TONI CALDI INSTAGRAMMABILI

I COLORI DELL’ARCHITETTURA: LE CITTÀ DAI TONI CALDI INSTAGRAMMABILI

Dopo il successo del primo articolo, in cui vi ho parlato delle città bianche instagrammabili, continuiamo il nostro giro del mondo attraverso i colori dell’architettura, questa volta parlando delle città dai toni caldi instagrammabili. Ma quali sono i colori che rientrano nella definizione di toni caldi?

I colori dell’architettura: la distinzione tra toni caldi e toni freddi

I colori si suddividono in Toni caldi e Toni freddi e questa distinzione è dettata dalla sensazione che un determinato colore scatena a chi lo osserva. Ma quali sono i colori dai toni caldi e quali quelli dai toni freddi?

  • i colori dai toni caldi: sono tutte quelle tonalità che vanno dal rosso al giallo, passando per tutte le loro sfumature (sono i colori che ricordano il sole, la terra, il legno);
  • i colori dai toni freddi: sono tutte quelle tonalità che vanno dal verde al blu (sono i colori che ricordano le foglie, il mare e il cielo) e che comprendono anche il viola (rosso + blu). Può capitare che alcune delle loro sfumature, le più chiare, siano più vicine ai toni caldi.

Tali sfumature di colore sono classificabili tramite il cerchio cromatico, un dispositivo messo a punto dal francese M. E. Chevreul, in cui i colori sono suddivisi in toni caldi (sul lato destro) e toni freddi (sul lato sinistro) e attraverso cui è possibile trovare il complementare di ciascun colore, individuandolo nella parte esattamente opposta del cerchio.

l'immagine rappresenta un cerchio cromatico e un pennello largo da parete, entrambi poggiati su cartoncini colorati
Photo Credit: Pixabay – Il cerchio cromatico

I colori dell’architettura: le città dai toni caldi instagrammabili secondo le Travel Blogger Italiane.

Anche in questo articolo si è rivelata fondamentale la collaborazione di alcune colleghe della community italiana Travel Blogger Italiane e grazie ai loro contributi vi porterò ad esplorare alcune delle città più belle ed instagrammabili del mondo! Iniziamo con la prima città e sarò proprio io a parlarvene, raccontandovi uno dei centri urbani più scenografici della mia amata Sicilia: Noto.

NOTO: la città dorata della Sicilia

Appartenente alla provincia di Siracusa, Noto è uno dei centri urbani più rinomati della Sicilia orientale. Grazie all’estensione del suo territorio, risulta essere il comune più vasto della regione ed il quarto più grande d’Italia.

Da sempre vittima di forti scosse, il territorio di Noto è classificato zona a medio-alto rischio sismico e tra tutte le scosse a cui ha assistito, la peggiore fu nel 1693, ricordata come “il terremoto del Val di Noto”. Quell’anno fu distrutta l’intera Sicilia orientale, radendo al suolo 49 centri urbani e uccidendo più di 90 mila persone.

Gli anni successivi furono gli anni della ricostruzione, che coinvolsero architetti e ingegneri di fama mondiale insieme a maestrie locali, dando vita a veri e propri capolavori dell’architettura: l’utilizzo della pietra locale (la pietra di Noto) e l’innovazione dello stile architettonico di quel periodo (il Barocco), si rivelò il connubio perfetto per proclamare Noto la capitale del Barocco siciliano.

Passeggiare per il centro storico di Noto equivale ad ammirare un museo a cielo aperto, dove si susseguono veri e propri capolavori architettonici ricchi di decori importanti dal caratteristico color giallo-dorato della pietra locale.

l'immagine ritrae la facciata di una delle chiese più belle della città di Noto e mette in evidenza la ricchezza dei decori tipici dello stile barocco siciliano ed il colore giallo dorato della pietra locale denominata "pietra di Noto",  utilizzata per la ricostruzione di tutta la città.
Facciata della Chiesa di S. Francesco d’Assisi dell’Immacolata – Noto

JAIPUR: la città rosa del Rajasthan

Scritto da Teresa del blog Nonni avventura

Jaipur, la capitale del Rajasthan, è chiamata la “città rosa“. Il motivo di questa denominazione risale nel fatto che la maggior parte degli edifici della città vecchia sono dipinti di rosa.

In realtà, le cose non sono state sempre così! Tutto comincio nel lontano 1877, quando il principe Alberto di Inghilterra, marito della Regina Vittoria, visitò il Rajasthan. Il suo itinerario in questo stato dell’India aveva una durata di circa 17 settimane. Il Maharaja di Jaipur voleva che il principe consorte si innamorasse della sua città e la ricordasse per sempre. Con questo obiettivo, egli fece costruire una splendida residenza che chiamò “Albert Hall“, il colore delle pareti esterne era rosa.

Per fare in modo che gli edifici circostanti non contrastassero troppo, il Maharaja ordinò anche che tutti i palazzi circostanti fossero ridipinti dello stesso colore. Pare che il principe abbia gradito molto questo omaggio e che sia rimasto favorevolmente colpito dall’effetto generale. Ma ancor più di lui, la moglie del Maharaja si innamorò della trasformazione subita dalla città di Jaipur; pertanto, convinse il marito ad emettere un editto che rendeva obbligatorio il colore rosa per tutte le case e i palazzi del centro storico di Jaipur.

L’edificio rosa più famoso e fotografato della città è senza dubbio l’Hawa Mahal, meglio conosciuto come il “palazzo dei venti“. Sulla sua facciata si possono ammirare tantissime finestrine, da esse le moglie e concubine del Maharaja potevano affacciarsi sulla strada per godersi il fresco, ma senza essere viste dall’esterno.

l'immagine ritrae il Palazzo dei Venti di Jaipur, denominato Hawa Mahal, esaltandone il colore rosa che lo caratterizza.
Photo Credit: Teresa di Nonni Avventura

SIENA: il suo color terra

Scritto da Marta del blog Italobackpackers

Appena arrivi a Siena, quel che subito ti arriva agli occhi è quell’arancio intenso, caldo, che ti entra dentro. Lo chiamano color terra di Siena e ormai è così famoso che tutti i pittori non possono più farne a meno per i propri quadri. L’architettura medievale della città ti riporta subito indietro nel tempo, tra dame, cavalieri e stendardi.

Passeggiando nei sui vicoli stretti, tra mura alte e palazzi storici, non è raro trovare appese alle finestre delle bandiere particolari che si muovono nel vento. Questi segni di appartenenza si riferiscono alle contrade del palio di Siena, antica tradizione molto sentita in città, che vede i cavalieri di ogni zona gareggiare a cavallo nella piazza principale della città. I colori delle bandiere che sventolano in Piazza del campo e il “terra di Siena” sullo sfondo crea in un attimo un quadro perfetto per descrivere quest’angolo di Toscana.

Siena è anche città universitaria e il rito comune di tutti i giovani è ritrovarsi la sera sotto la torre del mangia, sedersi a terra in quei mattoni che hanno visto la storia, e godersi l’aria leggera che arriva dalle campagne. Se volete completare l’esperienza autentica che questa città offre sicuramente dovete provare il suo cibo e perché no un bello street food italian style? Parliamo del panino col lampredotto, celebre non solo nei mercati di Firenze ma anche in questa città un po’ più a Sud. Se invece non vi piacciono le frattaglie, via libera a prosciutti e formaggi da assaporare con una schiacciata tipica della zona.

Insomma, il calore del suo color terra di Siena si percepisce non solo con gli occhi ma anche nella convivialità e nell’ospitalità delle persone.

l'immagine ritrae una veduta aerea della famosa Piazza del Campo di Siena, evidenziando il caratteristico color terra di Siena degli edifici.
Photo Credit: Marta di Italobackpackers

SARLAT-LA-CANEDA: la città medievale color miele

Scritto da Helene di Viaggiamohg

Nel cuore del Perigord Nero, nella Nuova Aquitania, la medievale Sarlat-la-Caneda, cittadina francese di poco più di 10.000 abitanti, sembra uscita direttamente da un’altra epoca.

Splendidamente conservata, mostra la sua perfezione negli edifici del centro storico, risalenti al XV e XVI secolo; qui, come in altre località della Dordogna, le costruzioni sono in pietra calcarea locale dal caratteristico color giallo miele che, baciate dai raggi del sole, assumono tonalità che virano all’oro, in netto contrasto con i tetti in ardesia nera. Vanto della città è il record  di edifici storici tutelati: ben 65. Tra di essi la Cattedrale di San Sacerdos in stile gotico nordico con un campanile romanico del XII secolo, la Casa Natale di Etienne de la Boetie, il  Maniero di Gisson, edificio nobile del XIII secolo e la Lanterna dei Morti, realizzazione del XII secolo con un’apertura alla sommità alla quale venivano attribuite molteplici funzioni: cappella, luogo di sepoltura e polveriera. 

Preparatevi a viaggiare nel tempo mentre passeggerete tra un dedalo di viuzze acciottolate e piazzette, su cui si affacciano dimore romaniche, medievali, gotiche e rinascimentali; questo è il modo migliore per carpire la vera essenza del luogo. Ma il giallo rimane il leitmotiv di Sarlat non solo nelle sue facciate ma anche in vetrina; meticolosamente impilate ed ordinate, fanno bella mostra di se scatolette di Fois Gras, di cui la città è patria, rigorosamente con involucro giallo acceso, così come i sacchettini di noci del Perigord giallo/marrone.

Forse non tutti sanno che, grazie alla bellezza del suo centro, è una delle location più gettonate per film storici come Giovanna d’Arco di Luc Besson; vi basterà una visita per capire il motivo di tanta perfezione, il giallo e l’oro non possono che darci ragione.

l'immagine cattura una veduta del centro di Sarlat - la - Caneda, la città francese dal caratteristico color miele.
Photo credit: Helene di Viaggiamohg

E voi quale di queste città avete già visitato? Quale altra vorreste segnalarmi? Scrivetemi tra i commenti, vi aspetto!

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Che meraviglia questi toni che scaldano l’anima, e queste città!

    1. Hai ragione, sono tutte città particolari e che scaldano l’occhio di chi le osserva!;)

  2. Adoro le località che si contraddistinguono per una particolare tonalità che resta il leitmotiv per l’intero luogo. Siena è incantevole e mi piacerebbe molto visitare Jaipur. Ovviamente la mia amata Sarlat è sempre meravigliosa.

    1. Hai ragione, sono tutti centri unici e particolari, pur avendo un filo che li lega tra loro!!😉

Lascia un commento

Chiudi il menu